MOVIEPLAYER.IT +Movieplayer.it
SERIE TV:

Harper's Island: Benvenuti sull'isola della paura

Recensione Harper's Island (2009)

a cura di pubblicato il 06 settembre 2009
Tredici episodi ricchi di mistero, tensione, ma soprattutto omicidi e sangue, nella serie creata da Ari Schlossberg al via su RaiDue, ogni domenica dalle 21:45 circa.
Harper's Island: Benvenuti sull'isola della paura
Breve, densa di morti fantasiose e sangue, arriva in Italia Harper's Island, esperimento in soli 13 episodi a cura di Junction Entertainment e CBS Paramount Television. Creata da Ari Schlossenberg, autore di Nascosto nel buio, e girata nella zona di Vancouver, la serie è stata trasmessa in patria a partire dallo scorso 9 aprile ed è andata avanti con interesse calante da parte del pubblico fino all'11 luglio. Degli iniziali 10 milioni di spettatori, infatti, attirati dall'intrigante struttura della serie e dalla promessa, pienamente mantenuta, di sangue, omicidi e mistero, solo quattro sono arrivati fino al termine della visione, ma non per questo possiamo considerare l'esperimento fallito, nell'ottica della probabile tendenza che vedremo attuata sempre più spesso nel prossimo futuro di realizzare più show di breve e definita durata rispetto ai soliti telefilm di lunga vita e dalla struttura più episodica che attualmente sono il punto di forza proprio della CBS.
Harper's Island prende le mosse da un tema semplice: un gruppo di persone, amici e parenti, radunate su un'isola al largo di Seattle per la celebrazione di un matrimonio. Ben Cotton in una scena dell'episodio Crackle della serie Harper's Island L'ampio cast, composto inizialmente di oltre 20 membri, verrà decimato e gli ospiti della celebrazione verrano eliminati "uno dopo l'altro", come promette l'inquietante voce al termine dei titoli di testa, da un misterioso killer che sembra ripercorrere le gesta di John Wakefield, assassino che sette anni prima aveva sconvolto la tranquillità dell'isola e traumatizzato Abby Mills (Elaine Cassidy), la vera protagonista della serie, tornata per la prima volta sul posto proprio per festeggiare il matrimonio degli amici Henry Dunn e Trish Wellington, interpretati da Christopher Gorham e Katie Cassidy.
In tredici episodi, che portano titoli onomatopeici come Wharp, Crackle e Ka-blam, tanto per citare i primi tre dello show, vecchie amicizie verranno messe alla prova, mentre vecchi dissapori verranno chiariti e molti segreti verranno alla luce.

Il vero punto di forza, però, restano gli omicidi: creativi, sanguinari e soprattutto numerosi. Almeno uno a settimana, avevano promesso gli autori, e a conti fatti in molti casi questa regolarità è stata alterata in eccesso piuttosto che in difetto, soprattutto se pensiamo al secondo episodio, Crackle, che ha costretto gli autori a proporre un riepilogo finale per conteggiare le vittime della puntata. Da questo punto di vista, Harper's Island rivela analogie con slasher movies come Venerdì 13, piuttosto che rappresentare l'incontro tra Scream e Dieci piccoli indiani che la produzione aveva annunciato, e come tale va seguito per poter essere apprezzato, con una struttura ad eliminazione che richiama quella dei moderni reality show.
Christopher Gorham in una scena dell'episodio Crackle della serie Harper's Island Visto in quest'ottica, infatti, lasciandosi trasportare dal ritmo incalzante, apprezzando il gusto trash di molte scelte narrative e visive, la mole di sangue riversata in ogni episodio e soprattutto giocando ad indovinare non solo il misterioso responsabile degli omicidi, come in un buon giallo, ma anche chi e come sarà il prossimo a morire, la serie è ben più che godibile, un divertissement di tutto rispetto.
Se una pecca va trovata in questa impostazione è il non averla portata avanti fino in fondo ed è proprio nella caduta di ritmo e tensione vissuta per due o tre episodi nella prima parte dell'unica stagione, dopo l'esplosione di morti di Crackle: una frenata per dare spazio ai personaggi e gli intrighi tra loro che sarebbe stato meglio diluire nell'arco di più puntate successive senza inficiare il passo dello show e senza mettere in secondo piano il desiderio di sangue dello spettatore.

Per quanto riguarda il cast c'è poco da segnalare dal punto di vista della capacità interpretativa, perchè non è certo un tipo di produzione da cui possiamo aspettarci personaggi approfonditi da mettere in scena, ma molto sulla sua composizione: gli amanti dei telefilm non faranno fatica a riconoscere molti volti noti della TV americana, provenienti da diversi show e soprattutto da Supernatural che ha prestato ad Harper's Island più di uno dei suoi attori, da Jim Beaver, qui nei panni dello sceriffo Charlie Mills, padre di Abby, alla già citata promessa sposa Katie Cassidy. Da Ugly Betty viene invece lo sposo Gorham, mentre Gina Holden è nota per Flash Gordon e Blood Ties, ed altri come Matt Barr e Cameron Richardson sono apparsi in molti show degli ultimi anni.
Elaine Cassidy in una scena dell'episodio Crackle della serie Harper's Island L'appuntamento per gli spettatori italiani è ogni domenica su RaiDue dalle 21:45, dopo gli inediti della stagione 6 di Navy N.C.I.S., in attesa di scoprire se e come la produzione riuscirà a mettere in piedi un potenziale sequel, che potrà mantenere la stessa struttura ed impostazione, ma spostando l'azione in un luogo diverso e con un diverso cast. Per ora si tratta di una voce smentita, ma si sa che in questo ambiente spesso i rumor nascondono intenzioni reali.

Segui Movieplayer.it su Twitter, Facebook e Google+ per tutti gli articoli e le recensioni.

Commenta:

captcha

Anteprima

Harper's Island

Need for Speed - il sito ufficiale Gli articoli più letti